Cambiate fidanzato quando perde le piume

Cambiate fidanzato quando perde le piume

Ho tolto le lenzuola, e i copri-cuscini e poi anche il copri-piumone. Ho fatto un mucchietto vicino alla porta, aspettando che scattasse l’ora X per azionare la lavatrice.
Ho attaccato l’iPod allo stereo e ho riordinato la mia stanza: musica in riproduzione, qualunque e forte: questa volta Brunori Sas.
Dietro questa pratica apparentemente semplice si nasconde una difficoltà essenziale, comune quasi a tutti quanti: infilare il piumone dentro il copri-piumino. Insomma non siamo tutti dello stesso colore, non amiamo le stesse cose e le stesse persone, ma davanti al piumone, il giorno del cambio lenzuola: siamo tutti uguali.

Dev’esserci sicuramente un modo per farlo: ma io non lo conosco.
Così ho chiamato mia madre per chiederle per l’ennesima volta di seguirmi passo per passo nell’inserimento del piumone dentro il suo sacco. Chi sa lei, poi, dove l’avrà imparato così bene! Le mamme sanno fare tantissime cose che a noi sfuggono.
Mia madre mi ha detto Aldostefano ora sono impegnata.
Così ho dovuto cavarmela da solo, senza deciderlo di mia spontanea volontà, solo per stretta necessità.

Un po’ come quella volta che ho lasciato un mio ex fidanzato perché iniziavo a dipendere troppo da lui e io avevo bisogno di andare avanti da solo, per capire che ce l’avrei fatta. E poi ce l’ho fatta.

Mi sono seduto per terra, ho poggiato il sacco sul materasso e prima di tutto ho provato a distribuire equamente tutte quante le piume all’interno.
Ho dato un colpetto qui e un colpetto lì: niente da fare. Le piume non riuscivano a trovare un posto dove depositarsi e restar tranquille.
Mi ci sono seduto sopra per schiacciare, come faccio quando alzo la musica al massimo per non sentire i pensieri.
Allora l’ho scosso giù dalla finestra così che le piume si distribuissero senza che io insistessi più di tanto: almeno credevo funzionasse così, in realtà si sono tutte sparpagliate disordinatamente alla fine della coperta, lasciando la parte superiore completamente vuota.

A distribuire le piume nel  piumone si impara col tempo, piumone dopo piumone. Settimana dopo settimana: serve il tempo come in tutte le cose.
Ho pensato Ahi, se qualcuno mi aiutasse!,  ma la mia coinquilina non era a casa: quindi?
Ho pensato Ahi, se avessi un fidanzato!, ma io non avevo un fidanzato: quindi?

Mi sono accorto poi di quel lato squarciato da cui le piume sono cadute giù mentre lo sbattevo fuori dalla finestra.
Non me n’ero mai accorto: quando si era rotto?
Ho cercato la scatola dove conservo tutti gli strumenti per il cucito: aghi, fili, ditali e spilli. E mi sono messo sul letto, seduto, a cercare di cucire questa dannata trapunta.
Il filo è finito, come il tempo, quando tenti di riparare cose che non ha nessun senso aggiustare: il piumone era troppo vecchio, deteriorato, rovinato in alcune parti, conservato solo perché un regalo a cui tenevo.

Ho pensato che non bisogna aver paura di sbarazzarci delle cose, delle coperte che non ci riscaldano più, delle persone che non si preoccupano di perdere piume e neanche noi.
Così ho mandato un messaggio a mia madre e le ho detto vado a comprare il piumino ché quello vecchio si è squarciato! e ci sono andato.

La ragazza del negozio ha tentato di orientarmi verso la scelta di una trapunta dicendomi che così non sarà difficile quando non riuscirai a rimetterlo dentro. 
Anche tu lo stesso problema? le ho chiesto io e lei mi ha detto Io da quando ho comprato una trapunta non ho più bisogno dell’aiuto di nessuno.

Ne ho scelto uno più pesante, l’ho pagato caro: per un attimo ho pensato che fosse meglio accontentarmi del mio vecchio piumone squarciato, dovevo per forza pensarci adesso?
Non lo so, ma meglio non rimandare le cose.
Ho scelto un piumone perché non mi accontento di una trapunta più facile da gestire o da sistemare al mattino.
Ho scelto un piumone perché mi piace star al caldo, finché posso.
Perché adoro quel contatto con le piume, finché il piumone non si squarcia e tutte quante escono fuori. Mi accontento di comprendere che le cose migliori sono quelle più difficili da gestire e mi rassegno all’idea, che anche queste vadano sistemate, che a queste debba dedicare tempo, più del dovuto, e che prima o poi vadano cambiate.
Come i fidanzati,
Come la vita,
quando ti sembra che tutto sia a posto e poi ti accorgi che perde piume.
E allora basta cambiare piumone,
oppure fidanzato.

Ad ogni modo, se avete difficoltà a sistemare il piumone, potete servirvi di questo video per imparare a farlo bene in un minuto e mezzo:

credits photo: la camera da letto dei Nonni di @millelubi che vede meglio degli altri.