Aldostefano Marino

writer & editorial services

Categoria: Interviste Pagina 1 di 2

The Animal Art

Tramite The Animal Art, Caterina Casale (caterinacasale_), classe 1992, laureata in Lettere e Filosofia, attraverso i suoi occhi e le sue mani, attraverso l’arte – in particolare il disegno e la pittura – raffigura il mondo così come lei lo vede, usando come il filtro il sentimento umano.

The Animal Art ha realizzato per me ed Enrico un ritratto, per questo ho deciso di farle qualche domanda in più sul suo modo di fare arte. Enrico è stato ritratto molto fiero in mezzo a delle palme, Caterina ha persino aggiunto una citazione sullo sfondo, per rendere il tutto meno bianco – dato il suo candore. 

Con il progetto The Animal Art (theanimalart_) tenta di “ritrarre la bellezza del mondo attraverso gli occhi dei cani”. Lasciatemi dire che osservando i suoi disegni è abbastanza immediato riconoscere l’amore che riserva ai cuccioli. Per noi ha realizzato uno splendido ritratto POP in versione digitale, ma sul suo sito internet e sulle pagine potete trovare le sue opere e altre moltissime idee, che spaziano dalla stampa su tela, fino alla cover per il telefono.

Mi sono divertito a farle qualche domanda:

Ciao Caterina, esplorando il tuo sito internet si trovano anche ritratti umani, ma è abbastanza evidente la tua dedizione ai cani. Come mai? Da dove nasce l’idea di ritrarre i nostri amici a quattro zampe?

L’idea dei ritratti dei cani nasce da un regalo che ho fatto a mia mamma per lo scorso Natale. Desideravo farle un regalo che le restasse per sempre impresso, qualcosa che le arrivasse dritto al cuore…e cosa c’è di meglio che vedere immortalati gli occhi dei propri amori pelosi? Gli occhi, il tartufino, l’espressione d’amore che ci fa essere così innamorati di queste creature così speciale. 
Ho condiviso questo ritratto sulla mia pagina personale di instagram (dove condividevo i miei dipinti) e da li è partito tutto perché mi hanno commissionato vari lavori.

Quando hai cominciato a dipingere? C’è una ragione particolare che ti lega all’arte visiva?

Non sono una di quelle persone che dicono “da che ho memoria ho sempre disegnato”. No. Ricordo un’infanzia piena di parole, tantissimi libri letti, tantissime parole scritte, pochi disegni. Mi piaceva disegnare, mi piaceva tantissimo, ma non ho mai dato più spazio a questo rispetto ad altro. Non pensavo né sapevo di avere un dono, ogni tanto qualche bel lavoro usciva ma finiva lì. Diciamo che mi rilassava molto.

Che siano animali o persone, nei tuoi lavori prediligi i volti ravvicinati, i ritratti. C’è una ragione dietro questa scelta?

E’ l’Anima che mi affascina. Che sia di un essere umano o di un animale, l’anima si esprime negli occhi. L’Anima è Energia, io da sempre sono affascinata da questo aspetto della vita. Non a caso pratico yoga, ho letto svariati testi sul tema e la mia ricerca è continua e senza fine. L’esplorazione dell’Io è il mio principale lavoro, attraverso il contatto con la natura, con gli animali (in particolare con la mia piccola Collie, che mi ha dimostrato che per scambiarsi amore ed energia non servono parole, bastano gli occhi), e con un percorso psicoanalitico di anni.

Personalmente ritengo l’arte uno spazio aperto e in continuo mutamento, con innumerevoli interpretazioni e possibilità. In che modo vivi la tua attività da autodidatta? È per te un limite non aver avuto maestri o un atto di libertà? 

Mi sono fatta spesso questa domanda: dovrei frequentare qualche corso? Per ora la risposta è no. Soprattutto quando dipingo, entro in uno stato meditativo che realizza il ritratto senza che io debba fare il minimo sforzo di tipo mentale. Le mani vanno da sole. Certo, la pratica aiuta tanto a migliorare e a coltivare un talento con cui sono nata. Ma il fatto di non conoscere la tecnica mi permette di essere libera e di sperimentare senza limiti né concetti mentali prefissati. Per dare vita ad  un paio di occhi, li guardo a fondo e cerco di entrare in contatto con il sentimento che un paio di occhi mi suscita. Questo vale anche per i lavori in digitale, anche se, come in ogni cosa, il digitale toglie un po’ di magia all’uso dei colori.

Nonostante l’assenza dei maestri, però, avrai delle figure, un artista, uno scultore, un modo di dipingere, di usare i colori, ai quali ispirarti. È così? In quale misura l’arte può ispirarci a produrre altra arte?

Amo Gauguin. Il senso di natuale e selvaggio che si respira guardando i suoi quadri. Oltre a Gauguin amo Levi, i suoi ritratti sono come urli nella notte. 

Che cos’è, per te, l’arte?

Per me l’arte è evocazione. Quando guardo un quadro mi deve mancare il fiato, sennò è solo molto bello, ma non è arte. Anche una nuotata in un mare freddo e salato – mio marito è sardo, e proprio di quel tipo di mare parlo-  è arte, perché mi mette in contatto con la parte più profonda e vera di me stessa.
L’arte è liberazione, è un modo per essere me stessa, smascherando i vari strati di difesa. 
L’arte, con la mia Collie, mi hanno salvato la vita e l’hanno resa meravigliosa.

Quanto tempo dedichi, in media, a lavorare su un ritratto? In che modo ti approcci al lavoro, hai una prassi che rispetti abitualmente, oppure procedi sempre con libertà?

Dipende. Certi ritratti sono più complicati e richiedono più tempo, o perché non sono particolarmente ispirata, o perché hanno proprio bisogno di più tempo e più “strati” per tirare fuori l’anima.Non saprei definire una prassi… ogni ritratto è a sé… ogni ritratto è una creatura. Ed è il ritratto stesso che mi dice quando è finito. 
Certe volte impiego 4 ore, altre una settimana intera.

Tra i tuoi lavori ho trovato un ritratto che mi è piaciuto particolarmente. Si chiama “Al bar”, e rappresenta una donna dal viso squadrato che fuma l’ennesima sigaretta, e che probabilmente pensa – anche perché fa parte della serie intitolata Riflessioni. Questo – e gli altri lavori – provengono dalla tua fantasia? A cosa pensava questa signora che hai ritratto?

Olio su tela, 70x70x4 cm

Le serie di dipinti che realizzo fuori dalle commissioni, cioè fuori dall’ambito The Animal Art, vengono dal mio immaginario. C’è un libro, che per me è stato fondamentale nel percorso per sbloccare la mia creatività e far emergere il mio talento, che si chiama “Donne che corrono coi Lupi”. In questo libro viene fuori tutta la potenza e la forza interiore che è connaturata alla Donna, e attraverso la pittura ho provato anche io a esplorare i vari aspetti del mondo femminile…In “Al Bar” c’era solitudine, noia, frustrazione, ma anche indipendenza, e voglia di riscatto. Come un vulcano che per anni è rimasto in silenzio e poi sta per esplodere con tutta la sua forza. Non a caso i capelli sono arancio.

Poiché ho l’abitudine di inquadrare le persone a partire dalle loro scelte letterarie: c’è un libro, un racconto breve, una lettura che ti ha cambiato? Consigliacela e convincici a leggerla!

Oltre a Donne che Corrono coi Lupi, c’è stata una lettura che mi ha aiutato molto in un momento difficile, ed è un libricino sull’ Ho’oponopono. Questa tradizione hawaiana mi ha insegnato che è molto importante mantenere i propri pensieri “puliti” per poter essere più sereni e attirare così cose belle nella propria vita. Di per sé non credo nella magia, ma credo fortemente che ognuno abbia un potenziale inespresso, e che si tratta di avere il coraggio di stare in silenzio con i propri pensieri per capire chi si è veramente…

Se poi si parla di romanzi, il preferito in assoluto è L’isola di Arturo, di Elsa Morante. 

Milena Agus, autrice dell’anno.

È stato un anno lungo, pieno di letture: sono arrivato a ben centodieci libri letti. E tra tutti, se mi chiedessero quale mi ha colpito di più, io non saprei dirlo.

Invece, sicuramente, sarei ben convinto di poter dire che Milena Agus, per me è l’autrice dell’anno di #aldostefanolegge.

Milena Agus nasce a Genova. I genitori sardi la conducono fino all’Isola dove vive e lavora: nel capoluogo della Sardegna, Cagliari. Qui insegna storia e italiano in un liceo artistico. In Italia, i suoi romanzi vengono pubblicati da Nottetempo.
Dopo l’esordio nel 2005 con Mentre dorme il pescecane, un libro dalla duplice ristampa a distanza da pochi mesi dall’uscita, è Mal di pietre, 2006, a consegnarla al grande pubblico.

I suoi libri sono stati tradotti in cinque lingue: tra i francesi ha avuto particolare successo, tanto che da Mal di pietre è stato tratto un film con protagonista Marillon Cotillard e la regia di Nicole Garcia.
Numerosi sono i premi che Milena Agus, da quando scrive, è riuscita a portarsi a casa: Junturas, il Campiello, Elsa Morante, e diversi altri riconoscimenti. Anche perché, diversi sono i libri che ci ha regalato: Mentre dorme il pescecane, Mal di pietre, Ali di babbo, La contessa di ricotta, Sottosopra, Guardati dalla mia fame Terre promesse.

Tra i più particolari voglio ricordare Sottosopra, un inno alla vecchiaia: luogo dove trovare la pace, che cerca di allontanare nel lettore la paura di raggiungerla. Quasi una seconda vita.
Ma anche Ali di babbo che racconta la storia di una giovane donna che si rifiuta di vendere un terreno sul mare ai costruttori di nuove strade e centri commerciali.
La contessa di ricotta, che invece è il racconto della vita di tre sorelle, una che sogna gli splendori perduti, un’altra che sogna un figlio che non arriva e l’ultima, la contessa di ricotta che invece sogna l’amore.
Ammetto che è difficile scegliere, e che vorrei parlarvi anche di Mal di pietre, e delle Terre promesse verso cui vertiamo tutti quanti e che, da lontano, guardiamo senza mai abbandonare la speranza di approdarvi.

Milena Agus scrive soprattutto di donne, soprattutto giovani, intrappolate ma mai prigioniere di questa Terra isolata.

I romanzi della Agus sono romanzi corali, a più voci. Le storie di una bambina si mischiano a quelle di sua madre, della nonna, e poi della sorella, della zia, della vicina di casa. Quasi sempre donne. Donne coraggiose e forti che sanno stare al mondo. Ma non solo donne: anche uomini di successo, tenaci e valorosi. Giovani ragazzi, figli, padri di famiglia e nonni valorosi.

  

Le storie della Agus sono brevi: parlano di sesso, di famiglia, senso di appartenenza, desiderio di maternità. Raccontano il riscatto e il successo, l’esilio e la ricerca della fortuna. Sopra ogni cosa, i romanzi di Milena Agus descrivono Cagliari come un posto in cui bisognerebbe esser stati almeno una volta nella vita.

Di Cagliari ne vengono affrescate le persone, ma non solo: anche il mare, il porto, le vie principali di Casteddu. Milena Agus narra i colori del cielo come farebbe una pittrice, le stelle come un’astrologa, i cagliaritani e i loro riti antichi come un’antropologa. E in questa lunga narrazione non si dimentica di riservare un posto d’onore alla natura selvaggia ma accogliente dell’entroterra, alla macchia mediterranea, i ginepri, gli ulivi e poi gli animali che popolano la Sardegna.

Milena Agus parla della Sardegna, e nel frattempo racconta il destino e la forza. La tenacia, l’onore, il rispetto e il senso di famiglia.

Per farlo, utilizza una scrittura semplice: termini ricercati, talvolta in sardo – sempre perfettamente tradotti.
Una narrazione limpida e scorrevole, che mai appesantisce.
Libri che si leggono in un giorno e che, addosso, restano per tanto tempo.
Libri che mettono coraggio. Che non pretendono di insegnare troppo – pur facendolo -, ma che ben si difendono e riconoscono: colmi di richiami, di citazioni, nomi di musicisti e pittori, architetti, autori di libri.

I suoi sono libri che fanno venire voglia di leggere ancora.


Ho avuto il piacere e l’immenso onore di poter chiacchierare con Milena dei suoi libri e dei suoi pensieri.
Riporto qui, accuratamente, la nostra chiacchierata.
Affido le sue parole a voi e vi invito a cercarne ancora, sue e altre.

Cara Milena, mi piacerebbe sapere,  in poche parole che meglio la descrivano, chi è Lei, l’autrice dei sette delicatissimi e magici romanzi che Nottetempo ha pubblicato in Italia. Quando ha iniziato a scrivere?

I miei genitori sono sardi, di Sanluri, mio padre era Tenente di Vascello nella Marina Militare e abitava a Genova dove dopo il matrimonio mamma lo ha raggiunto e dove io sono nata e ho trascorso parte della mia infanzia. Genova è una città bellissima e mi è rimasta nel cuore. Poi mio padre ha cambiato lavoro e ci siamo trasferiti a Milano, ma i miei genitori avevano il mito del ritorno a casa, in Sardegna, e così siamo arrivati a Cagliari, dopo un anno ad Alghero, dove ho fatto la quinta elementare. Ero una brava bambina, mi bastavano dei fogli di giornale e una coperta per terra per stare nel mio mondo ore e ore, a fantasticare. Appena ho imparato, ho scritto. Scrivevo e leggevo sempre. Qui a Cagliari ho fatto le Medie, le Superiori e mi sono laureata in Lettere. A proposito di fantasie, non mi sono mai mancate e mi hanno portato, qualche volta, a delle scelte sbagliate e anche buffe come quella di essermi iscritta in Medicina per fare il medico missionario, ma di essermi resa conto di non capire nulla delle materie scientifiche e di essere molto paurosa. Adesso insegno Italiano e Storia al Liceo Artistico. Il mio mestiere mi piace molto, non saprei neppure immaginarmi con un altro lavoro.

All’interno dei suoi libri c’è sempre qualcosa di magico. Con Mentre dorme il pesce e Ali di Babbo, poi, lo dice una volta per tutte: “senza la magia la vita è solo un grande spavento”. Ma, che cosa è per Lei, Milena Agus, la magia? E lo spavento? Che cosa Le fa paura?

Quella che chiamo magia è la possibilità di vivere anche in un altro mondo, oltre che in quello reale. Questa possibilità a me la danno la lettura e la scrittura. Leggendo vivo altre vite e scrivendo mi risolvo i problemi, dico quello che non direi nella realtà, se mi arrabbio con qualcuno costruisco un personaggio negativo e quello, per me che sono sempre molto mite e gentile, è il mio modo di vendicarmi del torto subito. Oppure dichiaro anche il mio amore, che ho difficoltà a dimostrare a parole nella vita reale. Ecco, per me questa è magia, una penna con le funzioni di bacchetta magica. Non avere questa possibilità mi farebbe molta paura. Rimarrebbe la vita nuda e cruda e farebbe spavento.

Tutti i suoi romanzi parlano di famiglie e raccontano le storie di generazioni. Allora mi chiedo – da buon sardo patriottico e legato alla mia Terra – : quanto ciò che siamo, per Lei, è il prodotto del dove da cui proveniamo? Quanto è importante la conoscenza delle nostre origini?

Noi siamo quello che siamo in virtù della nostra storia. Nati in un altro tempo, in altri luoghi, con diversi genitori, parenti, saremmo altre persone. La nostra carta d’identità, come dice Ungaretti nella poesia I fiumi, la fanno queste cose. Conoscere le nostre origini è conoscere noi stessi. Da sempre ho una curiosità straordinaria per le vicende dei miei parenti, faccio tante domande, vorrei sapere i segreti di famiglia, non per pettegolezzo, ma proprio per capire chi sono stati loro e quindi chi sono io.

La narrazione delle sue storie è spesso affidata a giovani e giovinette disilluse: c’è un perché? Ha per caso a che fare con la disillusa capacità di credere nella magia delle cose?

I protagonisti delle mie storie sono sempre, all’inizio, dei perdenti, almeno secondo il buon senso comune. Il mio grande gusto, forse la ragione per cui adoro scrivere romanzi, è farli vincere, non nel senso comune del vincere, cioè successo, denaro e cose del genere, ma nel fargli raggiungere uno stato di benessere interiore che spero riescano a comunicare al lettore.

Se i protagonisti veri e propri mancano nelle sue storie, certo non si può dire che non ce ne sia uno quantomeno fittizio, ossia la Cagliari sempre descritta con amore. Cagliari è forse ciò che, più di tutto, unisce e intreccia le sue storie. Che rapporto ha con questa città? Qual è la Cagliari protagonista delle sue storie? 

Prima ho raccontato un po’ i trasferimenti della mia infanzia. Quando abitavamo in Continente, soprattutto mia mamma, mi parlava di Cagliari come di un posto mitico. Lei stessa, abitando in paese, la vedeva così. Arrivata qui potevo esserne delusa, invece no, la trovo bellissima, bianca, azzurra, verticale. Trovo i Cagliaritani spiritosi e leggeri anche in situazioni pesanti. E poi c’è il mare e l’orizzonte è infinito, e questo porta larghezza di vedute ai suoi abitanti. Nelle storie che racconto c’è la Cagliari di un tempo, quella dei racconti di mia mamma e delle mie zie, ma anche quella di oggi, per esempio del quartiere internazionale di Marina, dove ci sono gli immigrati da tutto il mondo.

Una costante che ritrovo all’interno dei suoi romanzi è la riflessione attorno all’idea di Dio: mai si riesce a decidere se c’è o non c’è. Talvolta assume l’aspetto del Dio di Leibniz, altre volte la bontà dei protagonisti diventa il dio delle sue storie. Che cosa o Chi è, per Lei? Un fantasma che veglia su di noi? Le ali di babbo

Non c’è una storia dove non parli di Dio, è vero. Ne parlo dal punto di vista di vari personaggi, che la pensano fra loro in modo diverso e danno, a me che scrivo, le loro risposte a proposito di Dio, che poi sono le risposte alle mie domande. Alla fine Dio si manifesta sempre in qualche modo in queste storie, agisce per mezzo dei buoni, che ci sono sempre. Alla fine dei romanzi, dopo che Dio si è manifestato, a modo suo, naturalmente, mi sento più tranquilla, più convinta che ci sia davvero.

Mal di pietre è forse il suo romanzo che ha avuto il riscontro più positivo. Che effetto Le fa sapere he Marillon Cotillard ha letto un suo libro?

Mal di pietre ha avuto un grande successo, è vero, ma come tutte le cose, viste dall’esterno, non sono come viverle di persona. Io, certo, mi sono accorta di aver avere avuto successo, mi ha fatto piacere, è naturale, mi ha anche fatto un certo effetto vedere la mia attrice preferita interpretare la nonna di Mal di pietre, ma, essendo saggia, la mia vita ho continuato a viverla come se niente fosse accaduto, identica a prima.

E ancora, che effetto Le fa sapere che i suoi romanzi vengono letti, adorati, tradotti, trasportati cinematograficamente?

E sempre a proposito del successo e del fatto che i miei libri vengano letti in tutto il mondo, la cosa che mi piace di più è quando i lettori mi dicono che leggerli gli è stato utile, che dopo sono stati meglio, un po’ più leggeri, un po’ più fiduciosi.

Un’ultima domanda, prima di augurarLe un buon Natale: scriverà ancora? Ha già scritto qualcosa?
Io auspico di sì, per poterla infilare, insieme a tutte le altre sue antichenuove storie, nella mensola dei libri che quest’anno ho amato di più.

Scrivo sempre, per me è vitale, come potrei stare dentro il mondo reale senza la magica via di scampo della scrittura?

Di questo e di quello, di vite sottili e di Chiara Gamberale

Ciao Chiara, infinita Chiara Gamberale, oltre tutte le tue pelli e i tuoi inesauribili Io, oltre il corpo di cui ti curi come fosse un tempio, senza tuttavia addobbarlo più di quanto sia necessario.

Ti ringrazio per avermi permesso di chiacchierare con te.
Vorrei poterti avere davanti mentre ti faccio le domande che ti farò, ma il tempo corre e non ne abbiamo, eppure tu ne trovi sempre: quindi grazie, due volte.

 

Cerco di metterti subito a tuo agio, come tu fai con noi lettori mentre ci guardi dall’alto delle classifiche senza mai salire, sempre rimanendo giù, alla nostra altezza, pronta a firmare copie, a saltar la cena e la sigaretta immediatamente dopo, anche quando le persone fanno la fila ben oltre la soglia dell’ingresso in libreria: ti rendi conto di aver salvato delle vite, con “Una vita sottile” ora – e prima – e con tutti gli altri tuoi fogli, come li chiami tu?

Mi commuovi. Grazie, prima di tutto…Poi: per me voi lettori siete gli amici immaginari che avevo da piccola e che però all’improvviso esistono davvero… Io avevo una vera e propria comitiva immaginaria, sai? Con cui riuscivo a stare male e a stare bene, ma insieme, a capire e a sentirmi capita, a condividere, come invece non riuscivo con i compagni delle elementari, poi delle medie… E come invece riesco con voi. Quindi il salvataggio è sempre reciproco, lo dico senza nessuna retorica, lo sai.

Che cosa è veramente cambiato da quella prima volta in cui hai messo le mani su di Una vita sottile? Non ci vediamo da un po’, io ti ricordo – a parte meravigliosa e con gli occhiali rosa – con la vita molto sottile ma, al di là del tuo aspetto, chi è la Chiara Gamberale di oggi, quella che, certamente cresciuta, ormai madre e Mamma, è stata in grado di ospitare Vita all’interno del proprio tempio restaurato?

È cambiato tutto in questi vent’anni, e non è cambiato niente… Grazie a un percorso che passa per quello che scrivo e (purtroppo o per fortuna?) non finisce mai, mai mai, credo di essere diventata più forte, se forte è chi fa pace con le sue fragilità… E passo dopo passo l’io (il pidocchio dell’anima, lo definiva Gadda…) si è fatto un po’ più in là, è arrivato finalmente il tu: ed è arrivata Vita. Che si ritrova per mamma una donna ancora troppo tormentata, troppo insicura: ma che si conosce. E io credo che chi non s’inganna non inganna.

Che cosa, invece, proprio non è cambiato?

Non è cambiato il percorso, appunto… La sensazione di essere sempre in marcia, destinazione Possibile Serenità.

Ciò che leggiamo ci cambia, questo noi lettori lo crediamo veramente: non è solo uno spot per diffondere libri. È anche vero, però, che, talvolta, si rischia di finire in un grande calderone dove è difficile riconoscere la qualità, Qualcosa (così, giusto per citarti ancora) che ci cambi davvero, soprattutto se sei in cima alle classifiche e pubblicata da Case Editrici sempre più forti. Quanto ti importa di essere considerata alla stregua di una che scrive libri che non valgono nulla? Quanto peso dai alle critiche? Quando le leggi – se ce ne sono! – le separi da quelle distruttive senza alcuno scopo? Oppure non le leggi?

Sicuramente ho notato che man mano che aumentava il successo dei miei libri aumentavano anche le critiche: ma credo sia fisiologico. E lo sforzo è certamente quello di separare i commenti utili per crescere da quelli inutili: ma vale per le critiche negative come per i complimenti.

I personaggi delle tue vite, di solito abitano Roma, ma Roma potrebbe essere Napoli, Milano o New York. Quanto sono importanti i luoghi in cui racconti le tue storie per i personaggi che li abitano e i lettori che li incontrano?

Sono importanti nella misura in cui sono abitati da quei personaggi e con quei personaggi si rincorrono, o si somigliano, o litigano, perché rischiano di assalirli… In molti dei miei romanzi c’è una contrapposizione fra “il rumore che fa la gente mentre esiste” in una grande città (che, come dici tu, potrebbe essere una qualsiasi) e luoghi come le isole, o la collina dove in “Qualcosa” abita il Cavalier Niente.

E invece, per te, quanto è importante Roma? Cosa ci trovi di così magico da non aver mai deciso di andartene, andare ad abitare in uno chalet in montagna lontano dai clacson e dai rumori?

Ci trovo banalmente il fatto che qui abita la mia famiglia, i miei amici, i miei affetti più importanti. E vivendo da sola con Vita, è importante averli accanto. Ma già in questo suo primo anno di vita siamo scappate spesso su un’isola, io a scrivere e lei a respirare…

Se non Roma, quindi, se fossi obbligata ad andartene, in quale luogo te ne andresti con la tua Vita?

Su un’isola greca. Naxos o Astipalea.

A me, ma credo di poter parlare a nome di tanti lettori, hai insegnato tante e molte cose.
Proprio a proposito di Vita, cosa le auguri in questo mondo? Cosa speri di essere in grado di insegnarle?

Le auguro di essere libera. Di avere sempre più idee che opinioni. Di sentire con il suo cuore e di pensare con la sua testa. E spero di essere in grado di insegnarle che vale sempre la pena di farlo. Almeno di provarci.

Quando leggo i tuoi libri mi sembra di poter avere un’esperienza totalizzante: percepisco odori, distinguo voci, vedo i volti di quelle voci, sento il sapore del sangue sulle dita di quella Chiara protagonista della tua vita sottile e accarezzo il pelo di Jonathan, il tuo cane. Devono avere molta importanza per te, tutti questi sensi, se poi, insieme, compaiono nel tuo libro: ma a quale dei cinque non potresti mai rinunciare, e… perché?

Ma sono domande troppo belle e troppo originali! Che regalo. Dunque: credo che non potrei rinunciare al tatto. Io ho proprio un’urgenza di toccare e di farmi toccare dalle situazioni e dalle persone che incontro.

Per quanto riguarda Jonathan, invece, che in alcuni altri tuoi libri – so che è lui, me lo sento – diventa Efexor, mi racconti di una volta in cui è stato lui a saperti togliere la rabbia di dosso? È stato l’unico Amico canino nella tua vita?

E invece qui ti sbagli! Efexor in realtà è Tolep, hanno in comune il fatto che portano il nome di uno psicofarmaco… E quando Jonathan cominciava a invecchiare, ho trovato questo cucciolo legato a un palo da chissà quanto, l’avevano abbandonato così, pensa… E l’ho preso con noi, quindici anni fa. Sia Jonathan che Tolep mi hanno saputo togliere molte volte la rabbia di dosso, anche se, proprio come era Jonathan, Tolep è un cane tanto buono quanto caratteriale… Ma sono gli unici maestri di cui mi fido, quelli con una personalità definita – e inevitabilmente scomoda, per certi versi.

 

Immagino che Vita, arrivata senza le parole in bocca, te ne abbia sussurrate molte e portate tante nel cuore. Ma prima di Vita (a.V./d.V.) capita mai di non trovare parole nuove? Se esistono, che fai in quei casi?

La parola del momento, di Vita e dunque mia, è Bap. Lo ripete in continuazione e mi incanta.. Mi dico: ecco! Nella mia scrittura spero che non manchino mai dei Bap, delle parole nuove, come dici tu. Che a volte, purtroppo, certo che mancano: e non solo mentre scrivo. Ma è in quei momenti che bisogna ricorrere al principio fondante del metodo dei Dieci Minuti, che racconto in quel romanzo, e “non resistere al cambiamento”…

Un’ultima domanda: A Roma ci vediamo il 25 di novembre, alla libreria Nuova Europa i Granai: su Facebook, parli di due sorprese… ci puoi dire se tra queste almeno una ha a che fare con parole nuove?

Sì.

I grandi scrittori non mangiano, D. Montesano (Recensione e chiacchierata)

I grandi scrittori non mangiano (ERETICA Edizioni, 2017) è la raccolta di racconti con cui Donato Montesano ha deciso di affacciarsi al mondo della narrazione e dei sentimenti e le emozioni che si raccontano.

Montesano nasce a Tricarico nel 1991, un comune italiano di cinquemila anime nella provincia di Matera, in Basilicata, ed è proprio qui che decide di ambientare le sue storie.
I grandi scrittori non mangiano è una raccolta di storie brevi ma intense – la più lunga è di trenta pagine – che, raccontano quel disagio che le persone vivono quando non riescono ad abbandonare il posto in cui sono nate e cresciute.
Le storie contenute all’interno di questo libretto di cento pagine sono tutte diverse l’una dall’altra: ognuna di esse lascia un segno, trasmette un messaggio diverso o crea un dibattito, una riflessione sulla società in cui viviamo; un messaggio ora di pace, di amore, e poi di evoluzione, educazione scolastica.
Ogni favola è raccontata in modo originale, con un linguaggio fresco e autentico ma mai casuale, mescolando saggiamente generi letterari distanti tra loro: fiabe fantasy si alternano a racconti d’amore, altri noir.
Un tema ricorrente: la morte, e la paura che abbiamo di arrivarci.

Il mondo portato in scena da Montesano è un luogo dove fantasia e personaggi particolari si incontrano nella cruda realtà del paese della Basilicata: qui prende vita un teatrino umano dove le statue prendono vita e i sogni hanno lo stesso peso della veglia, dove gli attori sono lupi mannari, fanciulle in pericolo e ricchi re.
I grandi scrittori non mangiano ha pagine ricche di richiami, alla letteratura (specialmente quella americana), alla musica, quella rock, e dei Beatles, e di John Lennon: pagine che ne chiamano altre, quindi, e che continuano a raccontare laddove la scrittura di Montesano si esaurisce ma non smette di dire.
Quindi luoghi, tanti, ma tutti facenti parte dello stesso paesino della Basilicata. E poi molti altri luoghi dove ripararsi e fuggire quando quei luoghi in cui viviamo ci sentiamo oppressi: mondi interiori e ultraterreni descritti con l’abilità dello scrittore che gli ha esplorati.
C’è un racconto, in particolare, Gli eroi giovani e belli, dal quale proviene il titolo dell’intera raccolta che trasmette un grande messaggio: non fermarci mai al limite delle nostre possibilità, ma superarle sempre.

I grandi scrittori non mangiano è una sofisticata breve raccolta di storie poetiche, scritte da un esordiente –  che ormai ha esordito – che, secondo me, può raccontare ancora molte altre storie.
Ho avuto il piacere di chiacchierare con Montesano: segue

 

nostra conversazione.

 

Caro Montesano, i grandi scrittori non mangiano…
Poniamo il caso che, su una scala da uno a dieci, i grandi scrittori mangino dieci: quanto credi di mangiare tu?

Io credo di mangiare 5. Di sfiorare quasi la sufficienza. Di non morire di fame, ma di avere fame lo stesso. Con questo voglio dire che la “fame” può essere una risorsa, uno stimolo. Quando si raggiungono degli obiettivi, secondo me, bisogna subito trovarne altri. Se possibile ancora più impegnativi. Se uno si accontenta perde la fame, se perde la fame perde la fantasia, se perde la fantasia è morto prima di esserlo fisicamente. Un esempio a massimi livelli di questo discorso è Robert Plant, il frontman dei Led Zeppelin. Quando diventò una delle rockstar più pagate al mondo, gli chiesero cosa avrebbe fatto con tutta quella ricchezza. Lui rispose: “Io non sono ricco, perché mi piace spendere tutto quello che guadagno”. Mangiare 5, per me, significa sopravvivere.

 

Perché tu saprai che, d’altronde, mangiare è necessario per vivere, anche per i grandi scrittori.
Ma pare che a te la morte non spaventi, oppure sì? Nei tuoi racconti mi sembra un tema ricorrente, e la affronti da varie sfaccettature: sia vista dagli occhi chi la cerca, sia da quelli di chi la evita… ma che cos’è per te la morte? Ti fa paura?

Non penso di aver paura della morte. Che io ricordi non ho mai avuto questa paura. La morte o la sofferenza delle persone a me care sì. Questo mi ha sempre terrorizzato. La morte, insieme all’amore, è il tema più ricorrente nel mio libro. Il motivo è semplice: sono due temi presenti nella mia vita. La morte mi ha sempre affascinato, come le ragazze di cui mi innamoravo. La morte è più potente però; d’altronde non lascia scampo a nessuno. Quello che mi incuriosisce della morte, forse, è proprio la sua potenza. Il fatto che una persona da un momento all’altro non esiste più, mentre il mondo continua a girare come se nulla fosse successo.

A proposito di cose che dovrebbero far paura: come hai deciso di metterti in gioco e scrivere? È un compito, per alcuni aspetti, molto diverso rispetto a quello tuo abituale, visto che fai parte di uno studio di architettura. In che modo, per te, questi due mondi si conciliano?

La passione per la scrittura, cioè di “creare” storie tutte mie, è nata quando ero bambino. Mi piaceva ascoltare le fiabe dei miei nonni, i loro racconti facevano volare la mia immaginazione; credo che sia nato tutto da lì. Successivamente la curiosità mi ha spinto a esplorare altri “mondi” come il cinema, la musica, e soprattutto scrittori diversi da quelli che ci venivano imposti a scuola. Gli scrittori americani, in particolar modo, col loro linguaggio scorrevole, mi hanno fatto appassionare a un certo tipo di letteratura che mi stimolava al punto di voler scrivere sempre di più. Mettendo insieme le cose che ho vissuto con le storie e la musica che ascoltavo, con i film che vedevo e i libri che leggevo, è nato il mio, di libro. Tutto questo è connesso a Rabatanalab, lo studio di architettura di cui faccio parte, perché non è solo uno studio di architettura, ma un vero e proprio laboratorio multidisciplinare, in cui, partendo dall’architettura, mettiamo insieme varie forme artistiche e le abbiniamo. Tra queste ci sono proprio il cinema, la musica, la letteratura, il fumetto, la fotografia… Le mie passioni sono quindi strettamente legate allo studio e agli amici che ne fanno parte.

 

Per quanto riguarda questo mondo qui, quello in cui scrivi: è risaputo che agli scrittori vien difficile raccontare di posti che non hanno vissuto, mi è parso che tu, invece, sappia farlo molto bene, inventandone alcuni che non esistono per davvero: come ti approcci alla scrittura? Quando scrivi? Hai qualche rituale preparatorio?

Mi piace scrivere di notte. La notte è il rifugio dei solitari. Mi rilassa, mi tranquillizza. Non ho un rituale preciso, mi piace prendere appunti casualmente e metterli insieme, svilupparli. La mia scrittura può prendere vita da piccoli episodi, piccole scintille che mi fanno immaginare una “scena”. Spesso queste scintille nascono leggendo la frase di un libro, osservando la vita della gente, ascoltando storie, o la strofa di una canzone. Un esempio è il racconto “Amore ballerina”. Una canzone di De Gregori dice: “…e Cesare perduto nella pioggia, sta aspettando da sei ore il suo amore, ballerina…e rimane lì, a bagnarsi ancora un po’, mentre il tra di mezzanotte se ne va…”.
La scena era così potente per me, che mi venne voglia di descriverla, immaginando un racconto tutto mio. Nella maggior parte dei casi, però, mi piace “romanzare” cose che ho vissuto. D’altronde, citando una frase del libro, l’ispirazione nasce vivendo.

 

I mondi di cui parli, quelli fantastici soprattutto: i boschi, le stazioni misteriose, i cimiteri… da dove provengono?

Questi sono posti che conosco bene e che mi piace “estremizzare” in base al mio stato d’animo. Se una semplicissima stazione era lo sfondo di un periodo triste della mia vita, quella stazione diventa triste per me. Se faccio una passeggiata in un cimitero mentre sono felice, quel cimitero diventa allegro nella storia che penso. La scrittura è un gioco, è come giocare con la propria vita. Questo, però, consente di riflettere su ogni cosa che fai, è un esercizio per cercare di migliorare, per scacciare i fantasmi.

 

Come vivi il tuo rapporto con Tricarico? È un posto in cui far ritorno o un posto da abitare?

Per me è un posto da cui fare andata e ritorno. Mi piace abitarci, vivendo soprattutto il suo antichissimo centro storico, ma allo stesso tempo mi piace andare via, abbandonarlo. Viaggiare mi serve anche per capire quanto io stia bene nel posto in cui sono nato. Mi innamoro dei luoghi che vedo, ma se ci sto per un po’ di tempo, puntualmente, mi rendo conto che casa mia non è poi così male. E così ritorno.

 

Certe volte, quando racconti, mi sembri arrabbiato: pare che tu ce l’abbia un po’ con questo paesino, soprattutto con la mentalità dei suoi abitanti. Le altre volte, però, sembri innamorato di questo luogo. Insomma, in definitiva, Tricarico mi sembra che un po’ la ami e un po’ la odi, raccontami perché la ami.

Sì, il mio è proprio un rapporto di amore/odio. Amo Tricarico perché è lo sfondo dei miei ricordi più intensi. Sono molto legato ai miei ricordi, anche se cerco di “liberarmene” enfatizzandoli con le storie che scrivo. Tricarico, poi, ha avuto una grande importanza storica e ha dato i natali a gente illustre. Mi piace tanto, ma non mi piace la sua gente, un popolo fratricida e senza memoria. Si può dire che Tricarico, come luogo, sopravvive e si salva grazie ai suoi ricordi. Ma questo discorso, forse, si può allargare all’Italia intera.

 

Un’ultima domanda prima di andare: intendi scrivere ancora, e se sì, ammesso che ti possa interessare, hai mai pensato di allungare una delle tue storie e renderla un lungo racconto?

Sì, mi piace molto sperimentare. Non a caso il sottotitolo dell’ultimo racconto è: “prove di romanzo”. Come dicevo, i miei racconti nascono spesso da appunti. Magari seguirò lo stesso procedimento e un racconto diventerà romanzo. Sarebbe interessante.

 

 

 

La luce che resta, Evita Greco (Recensione e chiacchierata)

La luce che resta è il nuovo romanzo drammatico di Evita Greco, in uscita il 13 settembre per Garzanti. Questa volta, dopo Il rumore delle cose che iniziano, Evita Greco scrive una storia più matura della precedente, mantiene il suo stile inconfondibile, ma stavolta non trascura nessun dettaglio e ogni cosa assume la necessità di esser narrata. Con gli occhi di una madre, Evita Greco, scrive con le mani di una pittrice, delicatamente, attraverso particolari e analisi minuziose racconta un intreccio di storie apparentemente slegate, ma destinate a rincorrersi, capitolo dopo capitolo, fino ad allacciarsi nella stessa trama.
La sua scrittura è precisa, attenta a ogni minimo particolare: per Evita Greco, ogni azione ha un posto privilegiato nel racconto, come se tutto ciò che viviamo, pensiamo e sopportiamo meriti l’attenzione di un narratore e poi quella del lettore, che una volta catturato non riesce più a staccarsi dalle pagine del libro: quest’attenzione per i dettagli poi, facilita quella necessità che il lettore ha di immedesimarsi in ognuno dei personaggi di La luce che resta, nati dalla testa di Evita Greco

Il treno regionale 12047, ogni mattina, mentre viaggia ha da una parte il mare e dall’altra le colline. Sopra c’è Carlo: segue la madre, lo fa sempre quando lei gli dice che vuole uscire di casa, non sa bene per andare dove, e poi va in tribunale: è avvocato, una professione che gli sta stretta, dicono sia riuscito a diventarlo solo grazie al padre.
Marco che vive fuori, lavora a Londra e tenta di convincerlo in ogni modo a portare la madre in una casa protetta, lasciare l’Italia e andare a vivere in Inghilterra. La vita di Carlo, le sue attenzioni e le sue preoccupazioni si riducono a quelle rivolte verso una sola persona, sua madre Filomena, a cui ha promesso che un giorno comprerà una macchina, una Dyson, che a lei piace tanto, e scapperanno lontano, in una casa dove sembrerà di poter toccare il mare solo guardando fuori dalle finestre.
Su questo treno, tutte le mattine, Cara accompagna a scuola Vita, la sua bambina, e poi scappa al lavoro, ne fa diversi: la segretaria in uno studio medico, il dottorato all’università. Cara è una mamma in carriera, e tutte le mattine, ogni volta che saluta la figlia, poi deve combattere con il senso di colpa che la opprime per la necessità di dover chiamare una baby-sitter, sperare che sia libera, e chiederle di andare a prendere Vita all’asilo.
Su questo stesso treno Carlo e Cara si incontrano, con le loro storie, i loro scheletri nell’armadio: impauriti e indifesi, due anime ferite, che hanno paura di conoscersi ma sono curiose di farlo. I loro viaggi si intrecciano, attraverso i racconti del grande amore che vive ancora nei ricordi di Filomena, le loro vite si incrociano, e cominceranno a cercarsi ogni volta che prenderanno il treno, finché non avranno il coraggio di parlarsi, e di aiutarsi poi.

La luce che resta è quella luce che rimane quando tutto attorno è calato il buio, che spaventa e porta a divenir ciechi davanti a tutto ciò che accade attorno. Un lungo dramma sulla paura, che esplora ogni lato del nostro animo e ci interroga spesso. È il racconto di quel momento in cui rimaniamo soli, perdiamo noi stessi, e ci aggrappiamo con tutte le forze alla felicità di qualcun’altro. Ma soprattutto, è il romanzo dell’amore materno, quello che ci consegna al mondo. Dell’amore che un figlio prova per la madre, della forza che ogni madre riceve in dono, senza averla mai avuta prima, quando il suo corpo si prepara a ospitare un bambino. Delle paure che una madre ha ogni volta che saluta suo figlio, e di quel senso di completezza che ogni figlio prova quando si trova con sua madre: Vita per Cara e Carlo per Filomena. Un amore forte, che supera i confini. Un romanzo per consolare le perdite e che fa ritrovare il coraggio.

Evita Greco è tornata, stavolta più forte che mai: non ha paura, osa e ci consegna un’opera di cui si sentirà parlare molto presto. E così sia!

Chiacchierata letteraria con Evita Greco

Cara Evita, “anche il cielo più scuro nasconde un raggio di sole”, qual è il tuo spiraglio di luce? Da dove proviene?
Dai miei bambini e dalle storie. Non faccio altro che raccontarmi storie, in un certo senso. Le cerco mentre cammino, le cerco ovunque. Sono il mio amuleto, le storie. Il mio modo di credere di poter avere a che fare con la realtà.

Questa volta ti sei fatta desiderare… ci hai tenuti sulle spine per un po’, quanto amore e quanto tempo hai dedicato alla scrittura di La luce che resta?

Tempo tanto, amore anche di più. L’ideale sarebbe stato farlo uscire a due anni dal “rumore delle cose”, poi però è servito più tempo e più spazio. E’ stato inevitabile, per me, prendere molto molto molto sul serio tutto quello che era stato detto a proposito del primo libro. Il che, inevitabilmente, mi ha un po’ rallentato con il secondo. Poi nel frattempo è nato il mio Carlo, e anche lui si è preso la sua quantità di tempo, e tutto l’amore.

Nei libri che si scrivono c’è certamente sempre un po’ di noi. Dove sei tu, veramente, in questo romanzo? Ti senti più vicino a ciò che prova una madre o una figlia?
In questo libro, molto più che nel primo, credo di essere vicina a tutti. C’è davvero una parte di me in ognuno dei personaggi. Credo che sia spesso così, il materiale che abbiamo a disposizione per scrivere è la nostra vita e quindi quel che siamo finisce ovunque. “Per quanto mi identifichi nel battito di un altro, sarà sempre attraverso questo cuore”, dice una canzone di Jovanotti. C’è un pezzetto del mio cuore in ognuno dei personaggi, insieme a delle caratteristiche – spero – solo loro.
Cara (un po’ come Giulia del Rumore delle cose che iniziano) rappresenta un modello di donna forte che io spero di raggiungere, ma che forse non  mi appartiene davvero. Marco ha una forza che ammiro, tiene la barra del timone dritta, sempre. Nelle fragilità di Filomena mi riconosco. Mentre Carlo, per me, rappresenta il giusto mix tra forza e tenerezza (passami la semplificazione). Rileggendo il libro, scherzando tra me e me, mi sono detta che è una specie di Christian Gray delle mamme. Non ho letto cinquanta sfumature di grigio ecc. ecc., ma sono ragionevolmente certa che un uomo che offre con biscotti fatti in casa a tua figlia, uno capace di addormentarla, di prendersi sul serio mentre gioca con lei, e di esserci, senza troppo parlare, vale lo
scambi!

Mi incuriosisce la scelta dei nomi: a parte i personaggi che si chiamano come i tuoi bambini, tutti gli altri, come nascono nella tua testa? Prima nascono e poi dai loro un nome, o viceversa?
Quasi contemporaneamente. Dare i nomi ai personaggi, per me, è davvero difficile. Per alcuni ho le idee chiarissime sin dal principio. Altri (per esempio quelli del “rumore delle cose che iniziano”) rimangono solo iniziali per tantissimo tempo. In generale faccio molta fatica a prendere decisioni definitive. Dare un nome è una decisione definitiva. “Cara” è un omaggio –piccolissimo e molto maldestro- alla canzone di Lucio Dalla, che per me è forse la più bella di sempre. Marco è il nome del mio compagno, qualcosa del Marco del libro me lo ricorda. Filomena è un nome che mi piace, e in parte ho pensato al film, al tipo di maternità che viene raccontata nel film. Carlo perché c’era il nostro, di Carlo, che è sempre stato Carlo da sempre, da quando ci siamo conosciuti io e Marco, che ce lo dicevamo che, un figlio nostro, maschio, sarebbe stato Carlo. Che poi il nostro Carlo si chiama Carlo Antonio, in onore del nonno paterno che non ha conosciuto, e che sarebbe impazzito dalla gioia a saperlo qui.

Siamo tutti curiosi di sapere come ha reagito Chiara Gamberale quando ha scoperto che uno dei protagonisti della tua storia si chiama proprio come sua figlia, Vita.
Chiara non credo lo sappia, ancora. Ma nei nostri incontri, c’è stato un bello scambio di “attese”. L’ho incontrata a Rapallo, quando ancora non sapevo che Carlo stava arrivando, ma già c’era. L’ho incontrata a Macerata, quando Carlo stava per nascere. Non ricordo se glielo dissi, o se glielo scrissi quando poi lei mi  disse che Vita stava arrivando. Se Carlo fosse stato una femmina, sarebbe stata Vita. E’ un nome bellissimo, che ha dentro tutto quello che conta. Spero non le dispiaccia. Ancora di più spero di conoscere la sua Vita il prima possibile.

Tra le tue pagine si sente il tuo destino, quello di madre: traspare tutto l’amore che tu sei in grado di provare, probabilmente, perché a descriverlo sei veramente abile. Quante volte ti sei sentita inadatta come madre dei tuoi bambini?
A costo di sembrare presuntuosa, forse per la prima volta in vita mia lo dico: non mi sono mai sentita inadatta. Stremata, sì, molto spesso. Così come molto spesso so di cedere su fronti in cui non dovrei (cartoni animati mentre siamo a cena fuori, cibi non sempre sani, ritmi sonno veglia totalmente sballati anche per colpa nostra), ma inadatta mai. Capita di sentirsi osservate, capita di accorgersi che magari, mentre sei in strada e uno dei tuoi bambini piange o urla, o si butta per terra, e allora capisci che qualcuno sta pensando di te “sei inadatta”. Ma con il tempo ho imparato a capire che ci sono altrettante persone che ti guardano e pensano “so cosa succede, è tutto ok”.
Sogno un mondo in cui nessuno si debba sentire in difetto, quando magari il suo bambino piange, sogno un mondo in cui nessuna madre si senta inadatta. Perché la maggior parte delle volte, se una madre si sente inadatta, è perché è sola, e nessuna dovrebbe esserlo mai. Come pensa spesso Cara: serve un villaggio. Dobbiamo essere tutte il villaggio di tutte.

Da La luce che resta, di luce ne esce tanta. Riesci a farci credere che, talvolta, quando è tutto buio, faccia più luce la luce che rimane che buio il buio che si vede. Presenti il buio come necessario, e guardi le cose tutte da una prospettiva più confortante. Che cosa diresti a chi non riesce a individuarla?
Che c’è, che ognuno di noi sa che c’è e che tutto ha un suo “verso”, un suo significato. Spesso occorre allontanarsi, spesso fa un male cane, ma in parte, per crescere, abbiamo davvero bisogno che si aprano alcune crepe. Poi credo anche che ci siano dolori che non servono a nulla. Dolori che sono dolori e basta, cose che non dovevano andare così. Di fronte a cose del genere (come per Marco e Filomena) non basta neanche un grande amore. Accadono anche queste, purtroppo. E forse si trova un verso anche per quelle.

 Lascia un po’ di luce anche a noi: stai già scrivendo il prossimo?
Scrivendo ancora no. Ma ho in mente una storia di cui sono profondamente innamorata. Me la immagino anche molto diversa da quello che ho raccontato fino ad adesso, poi magari non sarà così diversa, non lo so. Ma è una storia che adoro. E quando l’asilo riaprirà, inizierò a scriverla, promesso.

 

 

Per le foto di copertina sono stato ospitato da Necci al Pigneto, a Roma (via Fanfulla da Lodi 68) un grazioso locale dove spendere il proprio tempo: studiando, mangiando, bevendo qualcosa e facendo un ottimo aperitivo. Potete trovare degli ottimi dolci di loro produzione, mangiare un buon piatto di pasta, o tenervi leggeri con sfiziosissime insalate!

La finestra al sole, R.P. Giannotte (Recensione e chiacchierata)

Non capita quasi mai di aver l’onore di leggere i libri di un autore con si possa commentare real time ciò che succede nel suo racconto, perlomeno non a me! Ma finalmente mi è capitato: è successo con La finestra al sole, edito Edizioni La Zattera e scritto dall’abile avvocatessa R.P. Giannotte: un romanzo d’esordio di trecento pagine fatto di tanti dialoghi, una scrittura asciutta e infiniti spunti di riflessione.

La finestra al sole racconta la storia di Piergiorgio Medici, un avvocato di successo cagliaritano che dalla vita ha già avuto tutto: un attico in pieno centro davanti alla statua di Carlo Felice, una cattedra universitaria e un posto di lavoro nel più importante studio di Cagliari. La sua vita scorre regolarmente, annoiato tra un party e l’altro, col portafoglio sempre aperto a soddisfare le esigenti richieste della sua fidanzata Stefania, che è l’opposto di lui: una civettuola ragazza che sogna di diventare avvocato, ma che, anziché prepararsi per l’esame di stato, spende i soldi del marito in estetiste e chirurgia plastica, e tutto il suo tempo guardando Future Stars, lo show televisivo di successo più ambito d’Italia, dove concorre un giovane sardo testardo e talentuoso.

Le puntate di Future Stars, una dopo l’altra, si susseguono sullo schermo nella camera da letto dei due fidanzati, senza attirare mai l’attenzione dell’avvocato Medici che, oltre al programma, comincia a detestare anche la sua fidanzata.
Le storie dei protagonisti del talent show si incrociano alla vicenda di Bianca Marras, una ragazza di vent’anni, con due figli e il marito rom, accusata di furto: Piergiorgio verrà nominato difensore di ufficio e, sin da subito, capirà che all’interno di questa faccenda, qualcuno sta mentendo. Bianca non vuole collaborare, si mostra scontrosa, anche verso Piergiorgio, che invece cerca di aiutarla; ma alla fine sarà lei che darà all’avvocato la possibilità di riscattarsi e di ricominciare a essere, non solo un buon avvocato, ma soprattutto un uomo libero. Libero come questo romanzo: dai pregiudizi, dal razzismo, dagli stereotipi e dai canoni, per cui – finalmente – la taglia di gonna sognata non è più la trentotto, ma – finalmente, di nuovo! – la quaranta.

R.P. è al primo romanzo, ma scrive bene, descrive Cagliari con gli occhi di una turista innamorato e al contempo con quelli di una che ci ha vissuto ed è cresciuta lì e ne annota i limiti. Forse, talvolta, si perde, in dialoghi irrilevanti, che non aggiungono niente alla storia ma che, tuttavia, non sono mai noiosi. In questo libro c’è l’amore monotono, l’amore per convenienza, l’amore giovanile, l’amore che resta anche quando si è perso qualcuno. C’è l’amicizia, la carità, la fratellanza. C’è la determinazione nel perseguire i propri obiettivi.

C’è un grandissimo messaggio, e la Giannotte, contrapponendo personaggi che sono gli uni gli opposti degli altri lo scrive chiaro e deciso: i perdenti non son mai perdenti e basta, talvolta lo sono da sempre, marchiati indelebilmente per i pregiudizi della nostra società. Ma non sono mai perdenti e basta perché, rispetto ai vincitori, hanno la possibilità che gli altri non hanno, di riscattarsi e dimostrare a tutti ciò che valgono.

 

Dopo aver incontrato R.P. Giannotte di persona, non potevo che farle qualche domanda, e visto il suo entusiasmo che ha nel fare qualsiasi cosa fa e soprattutto nello soddisfare ogni mia curiosità, alla fine ho deciso di rendere pubblica questa nostra chiacchierata.

Giannotte cara, dal cognome onomatopeico, cosa hai fatto quando hai capito che non era più giorno e si era fatto tardi, che era già notte e ormai queste parole avevano bisogno di un Editore?
La prima regola del public speakingè: quando hai un pubblico davanti, inizia facendolo ridere. E tu hai rispettato in pieno questa regola! Scherzi a parte, mio marito è stato cruciale. Io ho sempre scritto ma lui non lo sapeva. L’ha scoperto quando, sistemando l’armadio, ha trovato lo stampato dei primi due romanzi che avevo scritto.

Prima di presentarlo a un Editore, o prima che uno di loro si interessasse a te, qualcuno ti ha spronata a provarci?
È stato tutto molto veloce. Mio marito mi ha spronata a trovare un editore quando avevamo conosciuto Alessandro Cocco de La Zattera Edizioni da poco tempo. È stata in gran parte una coincidenza.

Come decide un’avvocatessa che si occupa di parole in altre forme di dedicarsi a parole che rasserenano e confortano? Come coniughi queste due passioni apparentemente distanti?
Anche nel mio lavoro di avvocato passo gran parte del mio tempo a rasserenare e confortare. Molte persone immaginano il lavoro di avvocato costantemente a litigare in udienza, ma trascurano il rapporto che abbiamo con i clienti. In realtà, passiamo molto tempo con loro a spiegare la nostra tesi, le possibilità di esperimento di una causa, le modalità di azione.

 C’è un ideale forte, come ti ho detto, nel tuo libro, uno tra tutti, ed è la libertà. Di essere se stessi, di non vergognarsi mai. La libertà, insomma, di non ascoltare le persone che ci feriscono, ecco! Ma che cosa è per R.P. Giannotte la libertà?
Tutto! È ciò che permette di poter fare ciò che si desidera senza essere assaliti dai pregiudizi. O dai propri sensi di colpa.

la prigionia?
La prigionia è l’essere etichettati, il dover vivere all’interno di una casella già stabilita. All’interno del mondo letterario, a mio modesto parere, questo capita spesso. Per una teoria tutta italiana, non fai veramente letteratura se il tuo stile non è complesso. Si pensa ancora che un autore non dovrebbe promuoversi ma soltanto scrivere. Si fa fatica ad accettare che si possano avere modelli differenti, contemporaneamente e per aspetti diversi, come Grazia Deledda e Donatella Versace, Elena Ferrante, Chiara Ferragni e Lady Gaga. Tutto questo, per me, è assurdo.

Il tuo romanzo è ricco di personaggi e personalità, tutte diverse, qual è la tua preferita e perché?
Bianca Marras senza dubbio. Affronta la vita di petto e non si vergogna a guardarsi dentro e a mostrarsi per quella che è veramente.

Ce n’è uno che ti ricorda te?
C’è un po’ di me in ognuno di loro. Anche in Stefania: qualche volta so essere fastidiosa proprio come lei.

Poi c’è Cagliari, i suoi posti, i bar, le spiagge. Soprattutto ci sono i cagliaritani: tra le pagine leggo una critica velata, l’hai scritta tu o me la sono immaginata io?
L’hai immaginata! Come ogni città, ha le sue luci e le sue ombre, e un ritratto veritiero non poteva escludere le une o le altre. Anche se il lettore si renderà ben presto conto che ho un atteggiamento indulgente verso la mia città.

Dai tuoi social emerge che hai già scelto il vestito per ritirare il premio dell’Accademia Bonifaciana, hai già scelto quelli per i prossimi premi che verranno?
In realtà il vestito non è ancora stato scelto, lo scoprirete all’ultimo momento, anche se darò qualche dettaglio. Quello che posso dire è che sarà di un giovane brand sardo. Come ho sempre detto, La finestra al sole, e, in generale, la mia attività di scrittrice, ha l’obbiettivo di far scoprire una Sardegna diversa, contemporanea e stupenda quale è. Mi sembrava, dunque, bello portare addosso eccellenze della mia terra e questo brand ha deciso di sposare in pieno il mio obbiettivo di raccontare una nuova Sardegna.
Quanto ai prossimi premi… in sardo si dice “bucca tua santa”! (che ciò che dici sia benedetto).
Grazie mille Aldostefano per avere esplorato il cuore de La finestra al sole con entusiasmo.

 

 

 

 

 

 

 

Pagina 1 di 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén