Colazione da Tiffany, comparso per la prima volta nel 1958, è il breve romanzo che ispirò l’omonimo film di Blake Edwards. Sin dall’inizio, quella che si presenta come un’allegra commedia fresca tramite cui abbandonarsi a qualche ora piacevole, denota significati molto più profondi delle aspettative.

Non si innamori mai di una creatura selvatica, signor Bell. […] È stato questo l’errore di Doc. Portava a casa sempre animali selvatici. Un falco con un’ala ferita. Una volta un gatto selvatico adulto con una zampa rotta. Ma non puoi dare il tuo cuore a una creatura selvatica: più lo fai, più forti diventano. […]

Holly Golightly ha un fascino smisurato e un’eleganza senza precedenti. È una donna molto giovane, in perenne movimento e incapace di instaurare legami durevoli. È diventata celebre soprattutto grazie all’interpretazione magistrale di Audrey Hepburn.

La storia di Holly Golightly è raccontata da un narratore interno al racconto, il suo vicino di casa. La prima volta che si incontrano, è quando lo scrittore in erba – il narratore – sente tamburellare sulla finestra della sua camera la giovane attrice. Ha preso le scale di emergenza e si è intrufolata nel suo balcone, perché è in fuga da un uomo che ha lasciato da solo a casa sua.

Holly è molto abile ad accompagnarsi a uomini che riescono a soddisfare i suoi eccentrici capricci. È astuta, seduce le sue prede, non è fedele a nessuno che non sia lei stessa. Il gatto rosso con cui vive non ha un nome, perché non si appartengono: da un momento all’altro potrebbero separarsi. Il loro è stato solo un incontro fortuito.
D’altro canto, sul suo biglietto da visita e al citofono, accanto al suo cognome c’è scritto In vacanza, perché non è mai sicura del posto in cui si troverà domani.

La protagonista di Colazione da Tiffany, è una femme-fatale, fa innamorare tutti del proprio conto, compreso il narratore del romanzo – che pare coincida con lo scrittore statunitense Truman Capote.

È proprio negli Stati Uniti che trova luogo lo stabile dove vive gran parte delle vicende: il civico 169 sulla 71/ma Strada, nell’Upper East Side, diventa teatro di incontri, party esclusivi, eccessi e sregolatezze.

Ogni volta che Holly parla, il narratore resterebbe ad ascoltarla per ore, e forse è lui l’unico ad averne capito i drammi del passato.

Holly Golightly, infatti, non è semplicemente una frizzante ragazza del Sud trapiantata a New York. Dietro la sua eterna giocosità si nascondono traumi ben più profondi. A quattordici anni, per esempio, l’indimenticabile protagonista di Colazione da Tiffany, si unisce al suo patrigno ed è costretta a un matrimonio da cui scappa.

Quando Truman Capote pubblica Colazione da Tiffany è il 1958. In America è già famoso, ma il libro diffonderà la sua fama in tutto il mondo.

Anche se il narratore non rivela mai la sua identità, se si conosce Truman Capote, il lettore si accorgerà della vicinanza tra i due personaggi.
Entrambi scrivono, sono omosessuali, hanno gli stessi modi di parlare e di pensare, sono persino nati lo stesso giorno.
Truman Capote, inoltre, era solito parlare di sé all’interno dei suoi libri, e delle vicende che capitavano alle persone che gli orbitavano intorno.

Il modo che il narratore ha di porsi nei confronti di Holly è simile a quello che Capote usava con la sua migliore amica – la celebre scrittrice Harper Lee, a cui era molto legato. Anche il narratore di Colazione da Tiffany è colpito dalla grande personalità della sua vicina, fino a restarne sedotto; è geloso della sua capacità di distinguersi, ma non smette mai di fare il tifo per lei.

Capote presta la scrittura al servizio di una storia che è convinto debba essere raccontata. Come è stato per A sangue freddo, mette da parte l’egocentrismo e la sua esuberante personalità per dedicare tutte le sue attenzioni a qualcuno da cui ha intuito possa realizzarne una grande storia. E difatti, tra le pagine di Colazione da Tiffany, la sua presenza è solo accennata e la protagonista indiscussa è Holly.

Truman mette da parte il proprio personaggio per divenire autore e, alla fine di tutto, poiché Capote, nelle sue opere, è sempre stato avvezzo all’autobiografismo, il lettore si domanda se

Holly Golightly è esistita davvero.