Disney, la mostra a Milano
Disney, la mostra a Milano

Disney, la mostra a Milano

Il Mudec allestito per la mostra Disney, in corso fino a febbraio 2022

Al Mudec di Milano è magicamente arrivata l’opportunità di vivere un’incantevole esperienza nel mondo Disney. Infatti, dal 2 settembre fino al 13 febbraio 2022, il Museo delle Culture di Milano, sito in via Tortona, ospiterà nelle sue sale la mostra Disney, l’arte di raccontare storie senza tempo.

L’esposizione è un progetto promosso dal comune di Milano-Cultura, prodotta da 24 Ore Cultura e allo storico e critico del fumetto Federico Fiecconi, a cura della Walt Disney Animation Research Library. 

La mostra si pone come obiettivo di mettere in primo piano il processo creativo che si cela dietro tali capolavori di animazione. Un lavoro meticoloso, ricco di dettagli, finalizzato a dar vita a storie con migliaia di immagini diventate iconiche per ogni generazione.

Da Robin Hood a La Spada nella roccia, Da Hercules a PinocchioBiancaneve e i sette naniLa Bella Addormentata nel BoscoCenerentola, per arrivare al più recente Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle, sono solo alcuni dei grandi classici di cui si potrà ammirare il dietro le quinte che precede la realizzazione del film. 

L’esposizione è pensata per grandi e piccini che vogliano trascorrere del tempo immersi nelle mitiche e fiabesche ambientazioni Disney. Gli spazi delle sale sono creati per lasciarvi incantati dai colori; dalle immagini e dalle luci, soprattutto nella parte finale del vostro viaggio che vi lascerà a bocca aperta dallo stupore. 

Sin dai primi passi si potrà avvertire quell’alone di magia e mistero che contraddistingue il fantastico mondo Disney. Ma non solo. Infatti, per i più piccoli può significare un’esperienza educativa per indagare le origini dei racconti, delle fiabe, dei miti e della letteratura. 

Avvicinare il bambino al mondo dell’animazione vuol dire permettergli, attraverso la lettura delle immagini, di descrivere, immaginare, giocare con l’espressività visiva ed emozionarsi di fronte al lavoro degli artisti. 

I bambini potranno dilettarsi in prima persona nel creare la loro storia personalizzata attraverso le attività poste al centro di alcune delle sale. 

Inoltre, la mostra mette a disposizione dei visitatori preziosissime opere originali provenienti degli archivi Disney; bozzetti preparatori di ricerca creativa, incentrati sull’esplorazione di personaggi; ambientazioni, trame e spartiti musicali. Il grande sforzo innovativo compiuto degli artisti consiste nel trasporre le semplici storie al grande schermo utilizzando diversi strumenti artistici, dal disegno a mano all’animazione digitale, dalla concept art alla realizzazione del film, per cogliere l’essenza delle favole antiche e rivitalizzarle, attuandone il valore universale. 

Ma quali sono le fasi più importanti per la realizzazione di un film d’animazione?

La scelta del soggetto rientra sicuramente tra queste. I personaggi, infatti, devono essere graditi sia ai bambini che agli adulti. Se l’argomento in sé non è alla portata dei più piccoli, bisogna introdurre espedienti e gag che li divertano in continuazione. Al tempo stesso, però, devono essere di gradimento anche ai più grandi, poiché rappresentano la maggioranza del pubblico. Compiuta questa scelta, si passa a un’altra fase altrettanto importante, ovvero la sceneggiatura.

Possiamo definire la sceneggiatura, però, come il tassello finale di un lungo e complesso mosaico. Prima di avere il testo definitivo, l’equipe incaricata svolge un lavoro minuzioso: inventa angoli di ripresa, crea scene di situazione e di comportamento. Dopo una lunga discussione, viene redatto un trattamento, che consiste nell’approfondire e ampliare in forma narrativa il soggetto iniziale, ricco di note, commenti e spunti da sviluppare. Una volta preso in esame tutto il materiale, si comincerà a stendere la sceneggiatura definitiva.

Prima ancora che l’animazione possa iniziare, gli story artists esplorano vari modi per comunicare chiaramente idee, momenti ed emozioni in maniera visiva, realizzando schizzi della storia che somigliano alle tavole di un racconto a fumetti o alle vignette di una striscia, i cosiddetti storyboard. Una volta creati i bozzetti, vengono mostrati in sequenza. Questi schizzi vengono spesso modificati, sostituiti o eliminati man mano che lo svolgimento della storia cerca il suo percorso più naturale. Solo dopo essere stati approvati, la storia può essere raccontata attraverso l’animazione.

Oggi, attraverso la tecnologia, è molto più facile realizzare le animazioni rispetto a qualche decennio fa.

La tecnica che si utilizza nei moderni film d’animazione è la computer generated imagery, basata sull’utilizzo dei computer, in cui gli animatori non disegnano, né colorano le singole scene, il loro lavoro è più simile a quello dei burattinai. Tuttavia, la tecnica che ha segnato la storia è quella del disegno a mano.

Nella sua forma più pura è molto rara oggi, sempre più spesso è integrata da tecnologie più innovative. Viene chiamata con il termine cel animation, poiché gli animatori disegnano su una carta speciale in acetato trasparente, detta appunto cel, da sovrapporre al paino degli sfondi, creati su supporto cartaceo. In più di ottant’anni di storia, le tecniche di realizzazione si sono affinate riuscendo ad ottenere nuovi e sorprendenti risultati. Una volta compiuta la parte relativa all’animazione il film è praticamente pronto per andare sul grande schermo. 

Da Biancaneve a Elsa

Nel corso degli anni, però, con il passare delle generazioni, i cambiamenti a cui abbiamo assistito non hanno riguardato solo gli strumenti con cui vengono realizzati i film d’animazione. Infatti, come la società e gli stereotipi al suo interno si sono trasformati, anche il mondo Disney ha seguito tale mutazione, rappresentando la realtà da un punto di vista non più solo fiabesco, bensì reale. 

Un’evoluzione parecchio evidente se prendiamo in esame le principesse Disney. Biancaneve, Cenerentola, Aurora, sono tutte accumunate da un destino comune: aspettare silenziosamente un principe azzurro, riconosciuto attraverso un bacio d’amore. 

Nei primi film, prodotti tra la fine degli anni ’30 e l’inizio degli anni ’40, la donna è rappresentata come una fanciulla smarrita e impaurita, alla ricerca di un uomo forte, coraggioso, buono e gentile, ma che soprattutto sia la sua unica ancora di salvezza.

Difficilmente, la Disney oggigiorno proporrà una principessa di questo tipo, una figura passiva che non ha alcuna scelta, se non quella di subire e di attendere l’arrivo di un uomo. Grazie al cambiamento della condizione sociale e psicologica della donna, però, abbiamo assistito a un netto cambio di rotta. 

Le principesse più giovani, infatti, sono slegate e non più influenzate dalle scelte dell’uomo, pensano in maniera autonoma e agiscono secondo ideali di libertà e indipendenza. 

È il caso di Mulan (1998), Rapunzel (2010) e Frozen (2014). In questi film d’animazione il tema principale non è l’amore, ma piuttosto la libertà, intesa sia dal punto di vista del modo di vivere, sia da quello dell’espressione. Sono tutti personaggi indipendenti, diversi caratterialmente tra loro, ma egualmente simbolo di donne emancipate, coraggiose e forti.

Si passa, dunque, da principesse che cercano il senso della propria vita nel principe azzurro, a principesse che lottano per i propri diritti, raggiungere i propri obiettivi, senza avere la necessità di un uomo per essere felici. 

Disney ha saputo maneggiare con cura i cambiamenti sociali e culturali, producendo di volta in volta film che rispondessero alle esigenze delle persone.

Pertanto, potremmo definire che rispecchia la logica secondo la quale ogni storia è figlia del suo tempo. Una capacità camaleontica, in grado di adattarsi in maniera empatica al momento storico che stiamo vivendo.

Disney, attraverso l’arte di raccontare storie senza tempo, vi permetterà di tuffarvi nel passato fino ad arrivare al presente, così da poter vivere con i propri occhi un incantevole viaggio all’insegna dell’attualità e della tradizione.

Articolo a cura di Enrico Scaccomatto

Cookie
Usiamo cookie per ottimizzare il nostro Sito web, e rendere migliore la tua esperienza su aldostefanomarino.it
Permetti tutti i cookie
Salva
Impostazioni individuali
Impostazioni individuali
Questa è una panoramica di tutti I cookies utilizzati sul nostro sito web. Puoi selezionare e/o accettare I cookie singolarmente. Presta o nega il tuo consenso ai cookie singoli o a un intero gruppo.
Salva
Annulla
Cookie essenziali (1)
I cookie essenziali sono necessari per le funzioni basilari del sito.
Mostra cookie