Tag: NNEDitore

Animali in salvo, Margaret Malone

Animali in salvo (People Like You) è la raccolta di racconti edita NN Editore, scritti e riscritti più volte nel corso di dodici anni da parte di Margaret Malone, insegnante di Portland, con i quali ha vinto il premio Balcones Fiction Prize nel 2016.

Ringraziamo NN Editore per essere riuscita, ancora una volta, a inserire all’interno del proprio progetto editoriale una preziosa raccolta di racconti, dato che, normalmente, si dice che i racconti si leggano poco, e invece: stavolta, andrebbero letti e riletti.

Animali in salvo contiene nove racconti prodigiosi, alcuni collegati tra loro, altri invece sono perle: singolari e sconnessi da tutto il resto – per continuità narrativa -, ma riconducibili allo stesso medesimo tema:

La donna.

In tempi come questi è infatti vero che sentiamo spesso parlare di donne e di emancipazione: pare che ognuno abbia da dire la sua al riguardo, e ci va bene così – diciamocelo – perché, parlarne troppo, è sempre meglio che non parlarne… anche se, talvolta, questo rischia di suscitare l’esatto effetto contrario.

Ma Animali in salvo non è soltanto una serie di racconti sull’emancipazione, di una ventina – circa – di pagine l’uno. Animali in salvo è una raccolta di testi di valore perché le donne sono protagoniste che vengono descritte mentre vivono le loro normalissime vite.

C’è Cheryl, per esempio, che compare in più di un racconto, sempre impegnata a tentar di avere un figlio: Cheryl è una donna come se ne vedono tante. Ha un lavoro, un marito, Bert, con cui non ha mai smesso di fare sesso, ma anzi ha continuato a mantenere, anche dopo tanto tempo, la stessa frequenza di una volta, per la sola ragione di non essere come gli altri.
Eppure come gli altri vorrebbe esserlo: quando va alla festa a sorpresa di un vecchio amico e, attorno a lei e Bert ci sono solo donne incinte. Cheryl è una donna che vorrebbe avere un figlio e che capisce che, l’unico modo per avere a che fare con i bambini è sposarsi con un uomo che non si prende le proprie responsabilità, e provare lei stessa a essere quel bambino che vorrebbe: rubando i palloncini alle feste, bevendo vino come una adolescente e dicendo a voce alta quello che non andrebbe detto nemmeno sottovoce.

C’è la fidanzata di Chuck, protagonista di un altro racconto – il più breve, forse – che non ha un nome e pare che questo non sia mai del tutto casuale, dato che si è costruita una nuova identità – non sua – attorno alla figura del futuro marito. Quando Chuck le chiede di sposarlo davanti alla porta lei dice di sì, ma in realtà poi ci ripensa perché non le “è mai venuto in mente che poteva dire di no”.

Ci sono tantissime donne, tutte alla ricerca di qualcosa, vulnerabili, mai veramente forti, e anche quelle che lo sembrano, come Barb, a capo di un’azienda importantissima, alla fine cerca di far del bene per farne a sé stessa. Donne comuni, dal passato misterioso. Ci sono figlie deluse dalla separazione dei genitori, bambine che si danno alla fuga quando qualcuno canta loro I just called to say I love you.
Ci sono proprio tutte.
Ci siete proprio tutte.

Animali in salvo mi fa ricredere: di solito non leggo racconti, ma stavolta l’ho fatto e ne sono rimasto piacevolmente stupito. Un libro che si legge in poche ore ma che non si smette di leggere mai. A me guarda dalla libreria e, ogni tanto, lo riprendo in mano e cerco qualche passaggio che mi è sfuggito. 

Romeow Cat Bistrot, Quartiere Ostiense, Roma

E, anche se io non potrei sentirmi – veramente – nessuna di quelle donne, posso però provare sulla mia pelle il dolore che provano loro. E allora i miei complimenti telematici giungano forti e sinceri a Margaret Malone che è stata in grado di mettere in scena con un linguaggio semplice, ma mai scontato, quella che la vita è realmente: senza troppo romanzarci su, facendo immedesimare in raffinati personaggi anche i più scettici, come me.
E poi, infine, circolarmente rispetto a come ho iniziato a parlarvi di Animali in salvo, i miei complimenti arrivino sinceri a quelli della grande Arca di NN Editore che, stavolta, porta in salvo molti animali, tra cui me.

Nella foto di copertina dell’articolo si ringrazia il Romeow Cat Bistrot per avermi accolto con amore: un luogo speciale, a Roma – in via Francesco Negri 15, sull’Ostiense – dove, in mezzo a un esercito di gatti simpatici e assonnati, si mangia crudista, vegano e tante tantissime specialità buonissime.

Napoli mon amour, A. Forgione

Napoli mon amour, il romanzo d’esordio del napoletano Alessio Forgione, è una storia che origina dal dolore, dalla soglia della resistenza, dal bivio davanti al quale approda Amoresano, il giovane napoletano che abita in prima persona le pagine di questo libro.
Napoli mon amour fa parte della collana NN Editore, Gli Innocenti, raccolta di storie di vita sofferta e dolorosa, vittime di una società che quasi mai si dimostra comunitaria.
È forse questa la stessa missione della casa editrice milanese: raccontare attraverso metodi quasi sperimentali, la vita, quella vera, così com’è vissuta. Dolorosamente, sfacciatamente e senza il supporto di alcun orpello decorativo.

Napoli mon amour è una tragedia. Un dramma aggressivo di antiformazione, dove i vinti non vincono mai, un American Beauty contemporaneo.

Amoresano ha trent’anni, è abitudinario: ha un solo grande amore, il Napoli. Da quando è al mondo scrive racconti che lo riguardano personalmente, storie ispirate al suo dolore: chi legge ciò che scrive ritiene che abbia molto da dire e lo incoraggia a non reprimere questa passione.
Tuttavia Amoresano non è uno scrittore: cresce in una famiglia normale, due genitori attenti e preoccupati, che non mancano occasione per dargli un aiuto.

Dopo gli studi, gli unici soldi che riesce a guadagnarsi se li procura facendo il marinaio, lontano da casa. Laggiù, sulle navi in mezzo al mare, ha rischiato la vita, ma non ha mai provato sentimenti come la nostalgia o la paura: forse era la stessa presenza del mare a calmare il suo animo, ribelle, profondamente lacerato e in lotta con il suo passato. E difatti, tra i suoi pensieri, il mare è luogo in cui fare spesso ritorno: e il solo ricordo della sabbia nera di Procida sembra rassicurarlo.
Dopo sei anni, ora è tornato a Napoli.
Con 2053 euro nel portafoglio, Amoresano conta i giorni che gli rimangono di autonomia: cerca lavoro e nel frattempo raziona le spese, risparmia ogni volta che riesce, vive la condizione del giovane laureato precario, con due lauree socio-umanistiche, che non trova un lavoro. Figlio di una generazione dove è stato abituato a sognare e non smette di farlo.
È un tipo abitudinario Amoresano, e tutti i giorni conduce la stessa vita: piatta, noiosa, in una Napoli descritta tetra e spenta come non si era mai fatta vedere.
Vive a casa dei genitori. Ha un grande amico: Russo, con il quale condivide l’amore per le donne, per il calcio e per la birra.
Di recente sembra che Amoresano abbia smesso di rispondere agli stimoli della vita, è come se si sia arreso: non si dà pace, sente di non servire a niente del mondo, non è convinto delle proprie potenzialità e crede di essere un perdente ancor prima di giocare: eppure, all’interno di quella Napoli periferica, la forza dell’amore pare giungergli in soccorso, lo travolge e, inevitabilmente, lo distrugge.
Amoresano è una vittima della società, un antieroe, un giovane uomo maltrattato dalla vita, ma che ha una sua parte di colpe. Non si oppone a ciò che gli accade, ma anzi lascia che le cose lo devastino. Amoresano è un artista che trova conforto solo nella scrittura, e quando trova l’amore, pare che anche questo, una Nina misteriosa, possa darglielo: è spronato a crescere, si sente stimolato, ma alla fine, Amoresano non ha scampo: l’amore diviene la sua stessa trappola.

Napoli mon amour è un romanzo che racconta un dramma, e attraverso la tragedia sprona i giovani a non ripeterle. Intenerito dai tanti spiragli d’amore che si intravedono tra le strade di una Napoli cupissima, un romanzo impeccabile, una scrittura tagliente ed estremamente coinvolgente che ci mette davanti a una orrida presa di coscienza: l’eterno e labile confine tra ciò che fa bene e ciò che fa male.  

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén